Nota metodologica
Metodo di perimetrazione e …

Secondo questo approccio, ogni esercizio di perimetrazione richiede la definizione preliminare delle funzioni e dei processi che si intendono interpretare e governare e nel contempo comporta la ricerca di parametri che meglio ottimizzino un unico territorio dal punto di vista di tali funzioni/processi.

Più concretamente per procedere a qualsivoglia partizione territoriale occorrerebbe:
  • definire le funzioni oggetto di attenzione in un'area tendenzialmente vasta;
  • individuare i criteri che meglio esprimano la distribuzione territoriale delle funzioni identificate;
  • simulare sul territorio le aree individuate attraverso ciascun criterio e le variazioni di queste aree in base a diverse ipotesi di "soglia" di ciascuno dei parametri individuati;
  • sovrapporre le aree individuate attraverso l'applicazione congiunta di diversi parametri, identificando, quando possibile, ambiti territoriali omogenei (che presentano la medesima configurazione per la maggior parte dei parametri impiegati) e zone di frangia ("terre di nessuno" che "saltano" da un ambito territoriale ad un altro a seconda dei parametri impiegati);
  • introdurre correttivi dettati da tutti quei molteplici fattori (morfologici, politico-istituzionali, culturali, identità locali, ecc.) che vanno a definire le specificità di un territorio.
Nota metodologica
Quadro territoriale
Quadro istituzionale
Quadro demografico
Quadro dei servizi
Quadro economico
Tabelle

USERNAME:
PASSWORD:







© Varese Europea - Via Caracciolo, 46
Tel. 0332 255694 - Fax 0332 255693
P.IVA 95049480122 | Informativa sulla privacy

Realizzato da NetPromotion S.a.s.